Ti interessa la Partita IVA?

Cassa integrazione: cos’è e come funziona?

Autore

Francesca C.

Leggi l'articolo o richiedi una consulenza gratuita

Form_2023

La cassa integrazione guadagni, chiamata anche CIG, è uno strumento messo a disposizione dallo stato per le imprese o i lavoratori in difficoltà economica

Infatti, tramite la CIG, se sei un lavoratore dipendente di un’impresa in difficoltà puoi continuare a ricevere una parte del tuo stipendio, anche se il tuo lavoro è ridotto oppure l’attività è sospesa. 

Il funzionamento della cassa integrazione guadagni è diverso in base a quella che percepisci:

La cassa integrazione guadagni ordinaria, anche detta CIGO, è un sussidio erogato dall’INPS in caso di riduzione dell’orario di lavoro o sospensione dell’attività dovuti ad eventi non prevedibili che non dipendono dal datore di lavoro. 

Ad esempio, riceverai la CIGO in caso di danni causati da calamità naturali, come un terremoto.

Questa misura ha una durata massima di 52 settimane in due anni e riceverai l’80% del tuo stipendio per le ore non lavorate.

La cassa integrazione guadagni straordinaria, anche detta CIGS, è un sussidio erogato a favore dei dipendenti di imprese che hanno più di 15 o 50 lavoratori assunti, in base al tipo di attività che viene svolta.

Questa misura si applica nei seguenti casi:

  • riorganizzazione aziendale
  • contratti di solidarietà difensivi, cioè quelli che riducono le ore dei dipendenti quando ci sono troppi lavoratori in azienda
  • crisi aziendale dovuta ad eventi imprevedibili, come calamità naturali 

In tutti e tre i casi riceverai l’80% del tuo stipendio per le ore non lavorate, ma nei primi due casi la durata del sussidio è di 24 mesi, nel terzo di 12.

La cassa integrazione in deroga, o CIGD, è un sussidio destinato ai lavoratori che sarebbero stati esclusi nelle precedenti misure, come gli apprendisti o i lavoratori a domicilio.

La durata massima della misura è 12 mesi, nei quali riceverai l’80% del tuo stipendio per le ore non lavorate.

Se durante il periodo in cui sei in cassa integrazione vuoi aprire la Partita IVA puoi farlo, ma devi comunicarlo all’INPS e, via via, inviare gli aggiornamenti sui nuovi guadagni.

Infatti, con la Partita IVA potrai mantenere la cassa integrazione, ma il suo importo verrà ridotto in modo proporzionale ai tuoi guadagni. 

Ad esempio, se hai diritto a 700€ al mese di cassa integrazione e con il tuo lavoro ne guadagni 400€, il sussidio verrà ridotto a 300€. Se, invece, guadagni con la tua Partita IVA più di 700€, la CIG verrà sospesa. 

Per essere sicuro di ricevere correttamente la cassa integrazione, il commercialista è il professionista giusto a cui rivolgerti. 

Puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno da un consulente fiscale di Fiscozen, compilando il modulo che trovi qui sotto.

Risolvi ogni dubbio
con una consulenza

Form_2023 (#46)

Non ti preoccupare:
è sempre gratis.

Questa guida è stata verificata

Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da

Francesca C.

Autore

Controllata da

Gaetano D.

Esperto fiscale 

Per saperne di più richiedi una consulenza

Form_2023

Non ti preoccupare: è sempre gratis.

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963

Ti interessa la Partita IVA?