INPS artigiani: quanto si paga e come si calcola?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

In questo articolo vedremo quanti si paga di INPS se sei un artigiano con la Partita IVA e come calcolare i contributi.

L’INPS ha a che fare con la tua pensione e questa è un tema importante che impatterà tantissimo sulla qualità della tua vita una volta terminato il tuo percorso lavorativo. Impostare correttamente le cose ti farà vivere il tuo lavoro più tranquillamente.

Se vuoi possiamo fornirti una consulenza gratuita e senza impegno con un esperto fiscale, compilando il form in fondo alla pagina.

Devi pagare 2 tipi diversi di contributi

I contributi fissi sono una quota uguale per tutti gli iscritti mentre i contributi variabili vanno calcolati in base ai guadagni

Le quote di contributi da versare variano ogni anno, in questo articolo vediamo quelle relative al 2023

I contributi fissi sono 4.208,4€ l’anno, anche se fatturi 0€

Li devi pagare in quattro rate trimestrali di pari importo secondo scadenze fisse che sono:

  • 16 maggio 2023
  • 22 agosto 2023
  • 16 novembre 2023 
  • 16 febbraio 2024

I contributi variabili, invece, dipendono da quanto guadagni

Per calcolarli devi prima conoscere il tuo imponibile previdenziale ovvero la quota di denaro sulla quale si calcolano i contributi e le tasse. Corrisponde alla differenza tra incasso totale e spese.

imponibile = incasso totale – spese dell’attività

Se sei in regime ordinario, il tuo imponibile è la differenza tra gli incassi totali e le spese che hai realmente sostenuto mentre, per calcolare l’imponibile in forfettario, devi moltiplicare gli incassi totali per un valore percentuale specifico per la tua attività. Per i muratori ad esempio è 86%. 

Se il tuo imponibile supera i 17.504€, sulla parte che supera questa quota devi calcolare il 24%.

 

Ad esempio, se sei artigiano con imponibile di 20.000€, pagherai 4.208,4€ fissi e poi 599€ di variabili ovvero il 24% di 2.496€ che è la differenza tra 20.000€ e 17.504€.

Se sei forfettario, puoi richiedere una riduzione del 35%

La riduzione si applica sia fissi che sui variabili. Ricorda che se chiedi la riduzione e versi solo i contributi fissi, sarà come se avessi versato 8 mesi di contributi invece che 12. Tienilo a mente per il calcolo della pensione

Ci sono dei servizi che fanno i calcoli per te

Per avere un aiuto nel calcolo dei contributi da versare per la tua attività nello specifico, il commercialista è il professionista giusto a cui rivolgerti

Puoi ricevere una consulenza fiscale gratuita e senza impegno con un esperto Fiscozen compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Si basa su una fonte ufficiale dell'agenzia delle entrate ed è stata scritta da un'autrice esperta in temi fiscali.

Scritta da una nostra autrice

gaia_noroles

Basata su una fonte ufficiale

fiscozen fonte agenzia delle entrate

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963