Partita IVA procacciatore d’affari: come aprire e quanto costa?

Risolvi ogni dubbio con una consulenza gratuita e senza impegno

partita iva procacciatore

In questo articolo analizzeremo quali sono le particolarità della Partita IVA come procacciatore d’affari e le differenze di questa attività con quella degli agenti di commercio.

Chi è il procacciatore d’affari

Il procacciatore d’affari è quel soggetto che promuove i  prodotti o i servizi dei propri clienti, segnalando i contatti dei soggetti interessati all’acquisto. Quando il procacciatore individua un soggetto interessato all’acquisto, provvede a segnalarlo al proprio cliente, affinché quest’ultimo proceda alla conclusione della vendita. 

Requisiti per diventare procacciatore d’affari

Per la maggior parte delle professioni è necessario il possesso di requisiti specifici come l’aver conseguito uno specifico titolo di studio, possedere un’abilitazione professionale o aver superato un esame di Stato. Per fare il procacciatore non è richiesto alcun requisito specifico, questo tipo di attività può essere fatta da chiunque.  

Differenze con l’agente di commercio

La differenza fondamentale tra queste due figure è rappresentata dal fatto che l’attività del procacciatore d’affari presenta le seguenti caratteristiche:

  • non è regolata da nessuna specifica normativa 
  • non prevede il possesso di alcun requisito professionale e/o morale
  • non prevede la delega alla firma dei contratti. Il compito del procacciatore, infatti, è quello di promozione dei beni o servizi venduti dai suoi clienti e segnalazione dei possibili affari. Le provvigioni da corrispondere al procacciatore, sono calcolate sulla base dei possibili acquirenti segnalati e non sulla conclusione effettiva delle vendite come avviene per gli agenti
  • non può essere svolta in maniera continuativa e per lunghi periodi per lo stesso cliente 
  • prevede il versamento dei contributi previdenziali solo alla gestione commercianti INPS

L’attività di agenzia presenta invece le seguenti caratteristiche:

  • è regolata dalla legge 
  • richiede il possesso di determinati requisiti professionali e morali 
  • può essere svolta anche a tempo indeterminato per lo stesso cliente o per più clienti 
  • prevede il versamento dei contributi previdenziali sia all’ENASARCO che alla gestione commercianti INPS 

Procacciatore d’affari con prestazione occasionale, si può fare?

La professione di procacciatore d’affari è per sua natura ha delle caratteristiche che richiamano l’occasionalità della prestazione, che non può essere svolta per lo stesso cliente in modo stabile e continuativo. 

A differenza dell’agente, non dovendo rispettare particolari requisiti professionali e morali, questa attività si presta ad essere svolta in modo del tutto occasionale e senza possedere alcun requistito professionale. 

Per questo motivo non è obbligatorio aprire , ma l’attività di procacciatore può essere svolta in forma di prestazione occasionale, a condizione che si rispettino le regole previste per questa modalità di svolgimento dell’attività

Queste regole prevedono la mancanza di stabilità nello svolgimento dell’attività in oggetto e il limite di 5.000 euro di compensi, oltre il quale sarà necessario effettuare l’iscrizione alla gestione separata INPS e versare i relativi contributi.

Aprire Partita IVA come procacciatore d’affari

Per praticare stabilmente l’attività di procacciatore d’affari, è necessario aprire Partita IVA e ditta individuale, in quanto è classificata come attività commerciale.

Oltre alla pratica di apertura della Partita IVA è necessario effettuare l’iscrizione presso la camera di commercio e aprire la posizione previdenziale INPS presso gestione Commercianti. La presentazione della pratica Comunica permette di effettuare queste operazioni con un’unica comunicazione.

 Il codice ATECO del procacciatore d’affari

La professione del procacciatore d’affari è individuata con il codice ATECO 46.19.02, Procacciatore d’affari di prodotti vari senza alcuna prevalenza. 

Questo codice deve essere indicato nella pratica di apertura dell’attività ed è molto importante in quanto permette all’agenzia delle entrate di individuare l’attività svolta e, nel caso di adesione al regime fiscale forfettario, identifica il coefficiente di redditività che andrà ad individuare la percentuale di incassato su cui calcolare la parte che verrà considerata come spese legate all’attività professionale. Nello specifico il coefficiente di redditività è del 62%.

Partita Iva procacciatore d’affari: obblighi fiscali e previdenziali

L’attività di procacciatore d’affari, prevede l’adempimento agli obblighi sia fiscali, con il pagamento delle tasse, che previdenziali, con il pagamento dei contributi. 

Dal punto di vista fiscale, a seconda del regime adottato, si potranno avere degli adempimenti diversi. 

Per coloro che aderiscono al regime forfettario, la gestione della Partita IVA è resa più semplice grazie all’esenzione dell’IVA e della ritenuta d’acconto che non devono essere indicate in fattura. 

L’adempimento fiscale principale, in questo caso, rimane la dichiarazione dei redditi con il relativo versamento delle tasse. Inoltre annualmente è necessaria la verifica dei requisiti per rimanere nel regime.

In caso di adesione al regime ordinario gli adempimenti fiscali e amministrativi, oltre alla dichiarazione dei redditi, riguardano la tenuta della contabilità, il versamento dell’IVA, l’esterometro e la conservazione della documentazione delle spese inerenti alla propria attività al fine di poterle “scaricare” in sede di dichiarazione dei redditi.

Per quanto riguarda i contributi previdenziali, i procacciatori versano la contribuzione alla gestione commercianti INPS. Il pagamento dei contributi, deve essere effettuato con periodicità trimestrale, per quanto riguarda la copertura dei contributi minimi, e in sede di pagamento delle tasse, per quanto riguarda gli importi eccedenti il minimale.

Fiscozen, è in grado di supportarti per l’apertura e la gestione della tua Partita IVA, per permetterti di concentrarti sullo sviluppo della tua attività. Ricevi una consulenza gratuita e senza impegno, compilando il form che trovi in fondo a questo articolo. Un nostro esperto ti contatterà per rispondere a tutti i tuoi dubbi e le tue domande.

Vuoi saperne di più?

Inserisci i tuoi dati e ti contatteremo per una consulenza gratuita

L'articolo ti è stato utile?