Assunzione dipendenti con il regime forfettario: cosa devo sapere?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila i campi per riceverla.

In questo articolo approfondiremo il lavoro dipendente nel regime forfettario con particolare attenzione ai limiti relativi alle assunzioni di lavoratori dipendenti e collaboratori autonomi.

Regime forfettario lavoro dipendente: limiti di assunzione 

Tra i limiti previsti per il mantenimento del regime forfettario, bisogna tenere in considerazione quello relativo all’assunzione di lavoratori dipendenti. 

I lavoratori forfettari possono assumere lavoratori dipendenti per farsi supportare nella propria attività di lavoro autonomo.

Per mantenere il regime forfettario i compensi erogati a questi lavoratori dipendenti non possono superare complessivamente i 20.000€ annui.

Questa somma è da considerarsi omnicomprensiva per tutti i lavoratori dipendenti e si riferisce alla totalità di quanto speso per il collaboratore compresi contributi e tasse.

Il superamento di questo limite comporta l’impossibilità di utilizzare il regime forfettario nell’anno successivo. In tal caso, sarà necessario passare al regime fiscale ordinario.  

Regime forfettario: limite di compensi per i collaboratori autonomi

Un lavoratore autonomo in regime forfettario, può ricevere supporto anche da altri lavoratori autonomi o da prestatori occasionali.

Anche in questo caso, bisogna tenere presente il limite dei compensi di 20.000€ annui corrisposti complessivamente ai propri collaboratori, per non perdere il diritto di mantenere il regime forfettario.  

Nel caso in cui si abbia supporto da parte sia di dipendenti che di collaboratori autonomi, la somma dei compensi lordi di entrambe le tipologie di lavoratori non deve superare i 20.000€, per rimanere in regime forfettario.

E’ possibile scaricare il costo dei dipendenti e dei collaboratori autonomi?

Una delle caratteristiche che contraddistingue il regime forfettario è la determinazione dei costi tramite coefficiente di redditività che non permette di scaricare altri costi ad eccezione dei contributi previdenziali.

Questo coefficiente, determinato in base al codice ATECO relativo all’attività esercitata, consiste in una percentuale che indica la parte degli incassi sulla quale dovranno essere pagate le tasse e quella che invece sarà considerata come costo relativo all’attività e di conseguenza non soggetto a tassazione. 

Di conseguenza, in caso di assunzione di dipendenti o accordi di collaborazione con lavoratori autonomi, la relativa spesa non potrà essere scaricata al fine della riduzione delle tasse da pagare.

Fiscozen è in grado di supportarti nell’apertura e nella gestione della tua Partita IVA e di consigliarti al meglio riguardo l’assunzione di dipendenti e collaboratori autonomi. Compilando il form che trovi in fondo all’articolo riceverai una consulenza gratuita e senza impegno. Un nostro esperto ti contatterà per rispondere alle tue domande e ai tuoi dubbi. 

Vuoi saperne di più?

Inserisci i tuoi dati e ti contatteremo per una consulenza gratuita

L'articolo ti è stato utile?