Come si ravvede il diritto camerale?

Se hai effettuato violazioni o omissioni verso la camera di commercio puoi fare un ravvedimento operoso, cioè un pagamento spontaneo di:

  • Imposta dovuta
  • Interessi, che per il 2022 sono pari all’1,25%
  • Sanzione, da pagare in misura ridotta

Puoi utilizzare il ravvedimento se hai un’impresa:

  • Già iscritta al registro delle imprese
  • Costituita durante l’anno 

dove:

  • Hai omesso di versare il diritto annuale o hai versato un importo minore
  • Non hai pagato la maggiorazione dello 0,40% dopo aver versato il diritto annuale oltre la scadenza, fissata al 30 giugno per le imprese esistenti e a 30 giorni dalla domanda di iscrizione per quelle nuove

Se paghi in ritardo hai due tipologie di ravvedimento, in base a quando lo fai:

  • Entro 30 giorni, ravvedimento breve: devi calcolare 1/8 del 30% della cifra che devi pagare e sul risultato, pagare il 3,75% di multa, in alternativa si può pagare l’importo dovuto con una maggiorazione dello 0,40%
  • Dopo i 30 giorni ma entro un anno dalla scadenza, ravvedimento lungo: in questo caso devi calcolare 1/5 del 30% della cifra da pagare e su questo il 6% di multa 

Devi effettuare il versamento per mezzo del modello F24 compilando la sezione IMU e altri tributi locali e indicando i seguenti codici:

  • 3850 per l’imposta dovuta
  • 3851 per gli interessi
  • 3852 per la sanzione

Conoscere come funziona il ravvedimento operoso è importante, per essere in regola con la normativa prevista dalla camera di commercio. Per questo motivo un consulente fiscale può aiutarti a procedere nel modo giusto.

Se vuoi, puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno da un consulente Fiscozen compilando il modulo qui sotto. Ti chiamerà per spiegarti come possiamo occuparci per te dei tuoi obblighi verso la camera di commercio.

Altri dubbi da approfondire? Ricevi una consulenza dedicata gratis e senza impegno