Detrazione spese mediche con pagamenti tracciabili: tutte le novità

 5/5 (4)
Tempo di lettura: 3 minuti
detrazione spese mediche

Arriva un’importante novità per i contribuenti italiani: la detrazione delle spese mediche effettuate con sistemi di pagamento tracciabili. Negli ultimi anni, abbiamo assistito ad una spinta verso la digitalizzazione della fiscalità, con l’obiettivo di facilitare la scoperta dei casi di evasione e combattere questo grave fenomeno.

Proprio in tal senso si spiegano i nuovi obblighi, introdotti dal 01 gennaio 2019, relativi alla fatturazione elettronica e alla creazione di un regime premiale per i forfettari che decidono di adeguarsi volontariamente all’uso della e-fattura.

In questo scenario, arriva dunque un’ulteriore novità volta a favorire sempre più l’utilizzo di sistemi di pagamento digitali, come bonifici, carte di credito e POS, e scoraggiare, invece, le transazioni in denaro contante, delle quali è difficile tenere traccia: ci riferiamo alla possibilità di ottenere una detrazione sulle spese mediche tracciabili.

Detrazione spese mediche e sanitarie: cosa devo sapere?

Cosa cambia, di fatto, per i cittadini italiani? In che modo la detrazione delle spese mediche eseguite con pagamenti tracciabili impatterà sulle nostre abitudini? Proviamo a fare maggiore chiarezza!

Come sappiamo, lo Stato Italiano permette ai suoi contribuenti di detrarre il 19% delle spese mediche e sanitarie dalla dichiarazione dei redditi, purché superino una franchigia pari a 129 euro. Rientrano in questa grande categoria tutte le spese riguardanti l’acquisto di farmaci e prodotti sanitari in farmacia o dall’ottico, le prestazioni erogate da professionisti (medici, infermieri, fisioterapisti) e strutture pubbliche/private, ma anche le sedute di psicoterapia.

Fino ad oggi, a livello fiscale, non vi è stata alcuna differenza tra le spese effettuate con metodi di pagamento tracciabili, come appunto il POS, i bonifici bancari, le carte di credito e i pagamenti online (come ad esempio tramite PayPal), e quelle sostenute in contanti. Tuttavia, nei prossimi mesi, la situazione è destinata a cambiare.

Scopriamo, dunque, come funzionerà la detrazione delle spese mediche effettuate con metodi tracciabili.

Detrazione spese mediche e pagamenti tracciabili 2020

Come abbiamo accennato, dal 01 gennaio 2020 cambia la normativa riguardante la detrazione delle spese mediche che, per poter essere detratte al 19% dalla dichiarazione dei redditi, non potranno più essere effettuate in contanti, bensì solamente tramite sistemi di pagamento elettronici e, quindi, tracciabili.

I sistemi di pagamento tracciabili accettati dal fisco sono i seguenti:

1. Pagamenti con POS (bancomat o carta di credito)
2. Assegni
3. Bonifici bancari su conto corrente
4. Sistemi digitali, come ad esempio PayPal

Fanno eccezione le spese mediche effettuate in farmacia, presso negozi di articoli sanitari o di ottica, per l’acquisto di medicinali e dispositivi medici, e quelle per prestazioni mediche e sanitarie rese da ospedali, strutture pubbliche e private (purché convenzionate con il SSN).

In questi casi, dunque, sarà possibile continuare a pagare in contanti e detrarre ugualmente le spese mediche al 19%. Tuttavia, per le prestazioni effettuate intramoenia presso ospedali e cliniche pubbliche, vige l’obbligo di utilizzare pagamenti tracciabili per avere le detrazioni.

Spese mediche detraibili: devo conservare la ricevuta?

Oltre che alle nuove norme sulla detrazione delle spese mediche con pagamenti tracciabili, vi è un altro aspetto a cui occorre prestare attenzione: l’obbligo di conservare la ricevuta o lo scontrino cartaceo, come ‘prova’ che il pagamento sia avvenuto con un metodo tracciabile.

Si tratta di una regola che, in parte, contraddice la tendenza ad abbandonare gradualmente la carta: infatti, per usufruire delle detrazioni nella dichiarazione dei redditi, i contribuenti dovranno conservare – per cinque anni! – i documenti cartacei che attestano che il pagamento sia stato eseguito con uno dei sistemi consentiti dalla legge.

Ciò significa che, dal medico o in ospedale, una volta effettuato il pagamento tramite POS o con bonifico bancario, non basterà conservare la fattura emessa dal professionista o dalla struttura, bensì si dovrà richiedere anche la copia stampata (o lo scontrino) in forma cartacea, in modo da poterla esibire in caso di controlli da parte delle autorità.

Inoltre, affinché questi ultimi possano conservare una copia scritta dell’avvenuta transazione tracciabile e beneficiare della detrazione al 19%, senza incappare in problemi in caso di controlli del fisco, i medici e le strutture dovranno dotarsi anche di un apparecchio per la stampa di scontrini e documenti.

Se anche tu lavori in ambito medico/sanitario da libero professionista, o se stai pensando di aprire la Partita IVA come infermiere, fisioterapista, logopedista, psicologo o altre professioni del settore, lascia il tuo nominativo, compilando il form qui sotto, e ti contatteremo in tempi rapidi per fornirti assistenza e informazioni utili!

Vuoi saperne di più?

Inserisci i tuoi dati e ti contatteremo per una consulenza gratuita:
Fiscozen non è un commercialista. È un’azienda tecnologica che ti permette di gestire la tua Partita IVA attraverso una piattaforma software ed un servizio di consulenza generica con il supporto di consulenti fiscali specializzati. Tutte le attività riservate sono svolte da un commercialista partner iscritto all’Albo dei Dottori Commercialisti.

L'articolo ti è stato utile?