Cosa vuol dire forfettario?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza senza impegno su misura.

+300.000 Consulenze gratuite effettuate. Richiedi la tua:

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

Forfettario deriva dalla parola francese forfait e vuol dire in misura fissa. Nel regime forfettario le spese deducibili vengono determinate per mezzo di una stima, applicando il coefficiente di redditività, individuato in base al codice ATECO

Il coefficiente di redditività è una percentuale che varia in base al tipo di attività svolta e determina quale parte dell’incassato verrà considerata come un costo forfettario e quale sarà oggetto di tassazione. 

Il  regime forfettario prevede una tassazione agevolata al 15%, che scende al 5% per i primi 5 anni nelle nuove attività. 

Facciamo un esempio

Luisa è un’estetista ed ha il codice ATECO 96.02.02 al quale corrisponde un coefficiente di redditività del 67%. Ciò significa che Luisa pagherà le tasse solo sul 67% dell’incassato, mentre il 33% rimanente verrà considerato come costo forfettario.

Conoscere a fondo le regole previste per la tua Partita IVA in regime forfettario è molto importante per non rischiare di commettere errori. Per questo motivo è fondamentale essere affiancati da un consulente fiscale. 

Se vuoi, compilando il form in fondo alla pagina, puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno da parte di un consulente di Fiscozen, che ti chiamerà e ti dirà quali sono le regole previste per la tua Partita IVA forfettaria. 

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

gaia_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963