Codice ATECO consulenza aziendale: qual è e cosa posso farci?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

Il codice ATECO che devi scegliere per lavorare come consulente aziendale è 70.22.09 – altre attività di consulenza imprenditoriale e altra consulenza amministrativo- gestionale e pianificazione aziendale

Per iniziare questa attività dovrai aprire Partita IVA come libero professionista, per farlo dovrai compilare il modello AA9/12 e:

  • inviarlo direttamente online sul sito dell’agenzia delle entrate
  • consegnarlo a mano allo sportello dell’agenzia della tua zona
  • inviarlo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno
  • rivolgerti un commercialista o un servizio di consulenza online

Inoltre con questo codice ATECO dovrai iscriverti alla gestione separata INPS per versare i contributi per la tua pensione.

Il costo dell’apertura varia a seconda che tu svolga la pratica:

  • da solo: non devi pagare nulla
  • attraverso un intermediario, come il commercialista: dovrai pagare il suo servizio

Oltre ai costi di apertura dovrai pagare quelli di gestione, che sono:

  • tasse, calcolate in modo diverso in base al tuo regime fiscale:
    • ordinario: paghi l’IRPEF con il sistema degli scaglioni progressivi di reddito e percentuali che vanno dal 23% al 43%. Le percentuali si applicano al tuo imponibile fiscale che si calcola sottraendo al totale dei tuoi ricavi i costi che hai dovuto sostenere per la tua attività e i contributi che hai versato l’anno precedente. Dovrai anche applicare l’IVA sui prezzi dei tuoi prodotti e versarla allo stato
    • forfettario: paghi un’imposta sostitutiva del 15% o del 5% per i primi 5 anni di attività e non devi applicare l’IVA ai tuoi prezzi. Con questo regime fiscale non potrai scaricare le spese effettivamente sostenute per la tua attività ma solo una quota determinata forfettariamente secondo un valore detto coefficiente di redditività che l’attività di consulente aziendale è del 78%. Moltiplicando i tuoi incassi per questa percentuale trovi il tuo imponibile su cui calcolare le tasse.
  • contributi: devi versarli alla gestione separata INPS calcolando il 26,07% del tuo imponibile
  • commercialista: da 700€ fino a 1.500€ annui in base al tuo regime fiscale

Ad esempio, Federica è una consulente aziendale in regime forfettario che ha aperto la Partita IVA da due anni, quindi gode della tassazione al 5%. Ha incassato 30.000€, il suo coefficiente di redditività è 78% e l’anno scorso ha versato 3.000€ di contributi:

  • base imponibile: (30.000€ x 78%) – 3.000€ = 20.400€
  • tasse: 20.400€ x 5%= 1.020€
  • contributi: (30.000€ x 78%) x 26,07% = 6.100€
  • commercialista: 700€
  • totale costi: 1.020€ + 6.100€ + 700€ = 7.820€
  • guadagno netto: 30.000€ – 7.820€ = 22.180€

Per essere supportato nell’apertura e nella gestione della tua Partita IVA come consulente aziendale, il commercialista è il professionista giusto a cui rivolgerti.

Puoi ricevere una consulenza fiscale gratuita e senza impegno con un esperto Fiscozen compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Si basa su una fonte ufficiale dell'agenzia delle entrate ed è stata scritta da un'autrice esperta in temi fiscali.

Scritta da una nostra autrice

gaia_noroles

Basata su una fonte ufficiale

fiscozen fonte agenzia delle entrate

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963