Ritenuta d’acconto: cos’è, chi la paga e come si calcola?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

Se hai dei dubbi sulla ritenuta d’acconto, in questa guida faremo chiarezza, capendo cos’è, chi la paga e come si calcola.

Calcolare correttamente la ritenuta d’acconto ti consentirà di sapere quanti soldi ti rimarranno da poter investire nella tua attività o da tenere per te.

Per farlo ti consigliamo di rivolgerti ad un commercialista, che ti spiegherà come fare tutto nel modo corretto. Anche noi offriamo questo servizio e per richiederlo, ti basta compilare il modulo in fondo.

La ritenuta d’acconto è un anticipo sulle tasse che il cliente versa al posto tuo in questi 2 casi

Deve versarla se effettui un lavoro in prestazione occasionale o se hai la Partita IVA in regime ordinario e vendi ad un’altra attività in regime ordinario o ad una società.

Al contrario, se vendi ad un’attività in regime forfettario o ad un cliente privato, non avrai nessuna ritenuta d’acconto. Infatti, incasserai l’importo totale della fattura e poi pagherai le tasse per intero in fase di dichiarazione.

Se lavori in prestazione occasionale, calcoli la ritenuta applicando il 20% al tuo compenso

Ad esempio, se questo è 1.000€, la ritenuta sarà di 200€. Quindi tu incasserai 1.000€ – 200€ = 800€, ovvero il totale della ricevuta meno la ritenuta d’acconto.

Se sei un libero professionista con cassa privata, la calcoli solo sul compenso concordato

Questo vuol dire che i contributi integrativi obbligatori che devi inserire in fattura e l’IVA non rientrano nel calcolo della ritenuta.

Ad esempio, se sei un avvocato:

  • compenso: 1.000€
  • contributo integrativo 4%: 40€
  • IVA 22%: (1.000€ + 40€) x 22% = 229€
  • totale della fattura: 1.000€ + 40€ + 229€ = 1.269€
  • ritenuta d’acconto: 1.000€ x 20% = 200€

In questo caso, incasserai 1.269€ – 200€ = 1.069€ ovvero l’importo della fattura meno la ritenuta d’acconto.

Se sei iscritto alla gestione separata INPS, la calcoli sul compenso più eventuale rivalsa e rimborso spese

La rivalsa INPS e i rimborsi spese non sono obbligatori, ma se deciderai di inserirli, dovrai calcolare la ritenuta anche su quegli importi.

Ad esempio, se sei un social media manager:

  • compenso: 1.000€
  • rivalsa INPS del 4%: 40€
  • IVA 22% : (1.000€ + 40€) x 22% = 229€
  • totale della fattura: 1.000€ + 40€ + 229€ = 1.269€
  • ritenuta d’acconto: (1.000€ + 40€) x 20% = 208€

In questo caso, incasserai 1.269€ – 209€ = 1.061€ ovvero l’importo della fattura meno la ritenuta d’acconto.

Puoi avere un tool di fatturazione che calcola in automatico la ritenuta 

Puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno con un esperto fiscale compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

gaia_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963