Fatture web in cloud: cosa sono e come si fanno?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

Per creare le fatture in cloud è necessario servirsi di una piattaforma web che permette l’archiviazione online dei documenti di fatturazione. 

Esistono due tipi di fattura:

  • la fattura tradizionale 
  • la fattura elettronica 

Per creare e gestire una fattura cartacea devi:

  • compilare manualmente un documento di testo: in origine veniva fatto con carta e penna o con la macchina da scrivere, poi con programmi come Word o Excel oppure con software dedicati
  • consegnare il documento al cliente a mano, per posta o tramite posta elettronica. 
  • il cliente ha l’obbligo di conservare per 10 anni la fattura cartacea
  • se vuoi conservare una copia “in cloud”, devi acquistare un servizio che ti permetta di archiviare i tuoi file come ad esempio Google Drive o Dropbox

Puoi emettere fatture cartacee solo se hai la Partita IVA nel regime dei minimi o in regime forfettario e nel 2021 hai incassato meno di 25.000€. Se hai rispettato questi parametri o se nel 2021 ancora non avevi la Partita IVA, puoi continuare ad emettere fatture cartacee fino al 31 dicembre 2023.

A partire dal 2024 avrai l’obbligo di fatturazione elettronica.

La fatturazione elettronica ha alcune caratteristiche fondamentali:

  • la fattura è un file in formato .xml creato con un software specifico
  • il file .xml deve essere inviato al sistema di interscambio, detto anche SDI, che dopo aver controllato che sia stato impostato nel modo corretto, lo consegnerà direttamente al cassetto fiscale del tuo cliente.
  • accedendo alla tua area personale del sito dell’agenzia delle entrate, puoi attivare il servizio di conservazione delle fatture elettroniche e sarà l’agenzia ad occuparsene al posto tuo

Hai l’obbligo di fatturazione elettronica se sei:

  • società di persone
  • società di capitali
  • Partita IVA individuale in regime ordinario
  • Partita IVA individuale in regime forfettario o dei minimi, se nel 2021 hai incassato più di 25.000€
  • fornitore di una pubblica amministrazione, indipendentemente dal tuo regime fiscale

Per emettere una fattura elettronica devi:

  • abilitare la fatturazione elettronica sul sito dell’agenzia delle entrate
  • creare il file .xml della fattura elettronica inserendo i tuoi dati, i dati del tuo cliente e l’importo della prestazione utilizzando:
    • il software gratuito dell’agenzia delle entrate
    • l’app gratuita Fatturae, per smartphone
    • servizi di terze parti che, oltre alla fatturazione elettronica spesso mettono a disposizione una dashboard intuitiva per il monitoraggio delle entrate e la previsione delle tasse. Uno di questi servizi è Fiscozen.
  • inviare la fattura elettronica al sistema di interscambio entro 12 giorni 

Per creare e gestire in modo facile e intuitivo le tue fatture elettroniche in cloud, puoi utilizzare un software come Fiscozen.

Puoi ricevere una consulenza fiscale gratuita e senza impegno con un esperto Fiscozen che ti spieghi tutti i vantaggi del servizio, compilando il form qui sotto. 

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

gaia_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963