Come pagare meno tasse in Partita IVA?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

Per pagare meno tasse in Partita IVA devi scegliere il regime fiscale migliore per la tua attività e questa scelta dipende dalla tua situazione specifica.

Se apri la Partita IVA in regime ordinario, paghi l’IRPEF applicando il sistema degli scaglioni progressivi di reddito che prevede percentuali di tassazione che vanno dal 23% al 43%. 

Le percentuali si applicano al tuo imponibile fiscale, calcolato sottraendo al totale dei tuoi ricavi i costi che hai dovuto sostenere per la tua attività e i contributi che hai versato l’anno precedente. 

Se apri la Partita IVA in regime forfettario, paghi un’imposta sostitutiva del 15% o del 5% per i primi 5 anni di attività e non devi applicare l’IVA ai tuoi compensi. 

Con questo regime fiscale paghi le tasse solo su una percentuale dei tuoi incassi, determinata dal coefficiente di redditività che è diverso per ogni attività. Ad esempio, se sei un architetto avrai un coefficiente di redditività del 78%.

Questo valore determina quale parte dei tuoi incassi rappresenta il profitto e quale parte serve a coprire le spese:

  • parte degli incassi che rappresenta il profitto: 78%
  • parte degli incassi che serve a coprire le spese: 100% – 78% = 22%

Per scegliere il regime migliore per la tua situazione devi prendere in considerazione 3 diversi aspetti:

  • totale degli incassi annui
  • spese da sostenere
  • collaboratori

Il totale dei tuoi incassi deve essere al di sotto degli 85.000€ se vuoi mantenere il regime forfettario. 

Se i tuoi incassi sono superiori a 85.000€, uscirai dal regime forfettario in due momenti diversi:  

  • l’anno successivo, se sono sono inferiori a 100.000€
  • immediatamente se superano i 100.000€ e devi:
    • applicare l’IVA su tutte le fatture che emetti da quel momento in poi
    • pagare l’IRPEF sull’incasso di tutto l’anno

Per quanto riguarda le spese in regime ordinario puoi dedurle, quindi sottrarle dai tuoi ricavi per calcolare le tasse.

Al contrario, in regime forfettario, paghi le tasse e i contributi solo su una parte dei tuoi incassi determinata dal coefficiente di redditività.

Se le spese che devi sostenere per la tua attività di architetto, come ad esempio l’acquisto del computer e la cancelleria superano il 22% dei tuoi incassi, potrebbe essere più conveniente il regime ordinario.

Se vuoi avere dei collaboratori, per mantenere il regime forfettario il totale dei compensi che versi loro non deve superare i 20.000€ annui. Se superi questa cifra, dall’anno successivo passerai al regime ordinario.

Per capire quale regime fiscale convenga adottare nel tuo caso specifico, il commercialista è il professionista più adatto a cui rivolgerti. 

Puoi ricevere una consulenza fiscale gratuita e senza impegno con un esperto Fiscozen compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

gaia_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963