Partita IVA architetto: codice ATECO, come aprire e quanto costa?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

Se vuoi avviare la tua attività autonoma come architetto, in questo articolo vedremo qual è il codice ATECO che devi scegliere, come aprire la Partita IVA e quanto costa.

Aprire la Partita IVA ed avviare la propria attività autonoma è un passo importante nella vita di un professionista. Per questo, vogliamo guidarti passo passo per chiarirti le idee e scegliere la strada giusta per te.

Il codice ATECO per lavorare come architetto è 71.11.00

Questo identifica l’attività degli studi di architettura, come la progettazione di edifici e stesura dei progetti, pianificazione urbanistica e architettura del paesaggio.

Sono escluse da questo ATECO le attività di consulenti informatici, studi di ingegneria e arredamento d’interni.

Con questo ATECO, potrai aprire la tua Partita IVA

Per farlo dovrai inviare il modello AA9/12 all’agenzia delle entrate tramite sito web, posta raccomandata oppure consegnandolo a mano.

I costi sono diversi se apri da solo o ti fai assistere

Se vuoi fare in autonomia, non pagherai nulla, mentre se ti affidi ad un esperto per le pratiche dovrai pagare il suo compenso.

L’apertura della Partita IVA è una fase importante, perché le scelte che farai determineranno la quantità di tasse e contributi che dovrai pagare e, quindi, il tuo vero guadagno.

Per questo è sempre meglio affidarsi ad un commercialista, che farà le scelte migliori per te. Anche noi offriamo questo servizio e per richiederlo, ti basta compilare il modulo in fondo.

Dopo l’apertura, i contributi saranno la tua maggiore spesa

Dovrai versarli ad Inarcassa, la cassa privata per il tuo lavoro e saranno di 3 tipi:

  • soggettivo, che serve alla creazione della tua futura pensione ed è pari al 14,50% dei tuoi compensi netti. Indipendentemente dai tuoi incassi è previsto un versamento minimo fisso di 2.475€
  • integrativo, che serve per finanziare la cassa previdenziale, pari al 4% dei tuoi compensi da addebitare al tuo cliente in fattura. Il suo valore fisso minimo è di 745€
  • di maternità pari a 60€ per il 2023. Questo valore può variare ogni anno

La seconda saranno le tasse

Dipendono dal tuo regime fiscale. In quello agevolato, il forfettario, paghi solo il 15% o il 5% di tasse per i primi 5 anni, mentre nei regimi senza agevolazioni, come l’ordinario, paghi l’IRPEF, con una percentuale che varia dal 23% al 43% in base al tuo reddito.

Possiamo aiutarti ad abbattere i costi

Per scoprire se puoi accedere alla tassazione agevolata al 5% puoi parlare con un commercialista.

Puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno con un esperto fiscale compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

gaia_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963