Partita IVA ciglista: codice ATECO, come aprire e quanto costa?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio partecipando al nostro webinar gratuito sulla Partita IVA. Compila qui per iscriverti.

seo_webinar
check-double-line
Questa è una guida verificata

Per aprire la Partita IVA come ciglista devi avere ottenuto la qualifica da estetista e, preferibilmente, aver seguito un corso specializzato in lash art

Se rispetti i requisiti richiesti puoi aprire la Partita IVA con il codice ATECO 96.09.03 – servizi degli istituti di bellezza

Per aprire la tua attività come ciglista devi avviare una ditta individuale artigiana compilando ed inviando la ComUnica, una pratica che ti permette contemporaneamente di:

  • aprire la Partita IVA
  • iscriverti al registro delle imprese della camera di commercio
  • iscriverti alla gestione artigiani INPS per versare i contributi
  • aprire una posizione assicurativa presso l’INAIL

Oltre a questo dovrai presentare la pratica SCIA, segnalazione certificata inizio attività, al SUAP, sportello unico attività produttive, del comune in cui ha sede la tua attività ed acquistare un servizio di firma digitale e PEC.

I costi per aprire la tua ditta individuale sono diversi se scegli di avviarla:

  • da solo, pagherai:
    • imposta di bollo: 17,50€
    • diritti di segreteria: 18€
    • diritto camerale: da 53€ a 120€ in base al tipo di attività
    • SCIA: da 0€ a 200€ in base al comune in cui decidi di avviare la tua attività
    • PEC e firma digitale: circa 35€
  • affidandoti ad un intermediario, come un commercialista: oltre ai costi elencati sopra pagherai anche il suo compenso che va dai 300€ ai 500€ a seconda del tipo di attività

Oltre ai costi di apertura, dovrai pagare quelli di gestione che sono:

  • fissi, da pagare indipendentemente da quanto guadagni, come:
    • commercialista: che parte da 700€ fino a 1.500€ annui in base al tuo regime fiscale
    • diritto camerale annuale: 53€ annui
    • contributi fissi: pari a 4.427,04€ annui
  • variabili, cioè calcolati in percentuale su quanto incassi, come:
    • tasse: pari al 15% o 5% per i primi 5 anni se avvii una nuova attività in regime forfettario oppure comprese tra il 23% ed il 43% in regime ordinario, determinate a scaglioni progressivi sul tuo reddito
    • contributi variabili: calcolati applicando la percentuale del 24% sull’imponibile che supera i 18.415€

Pagherai le tasse in modo diverso a seconda del tuo regime fiscale:

  • ordinario: paghi l’IRPEF con il sistema degli scaglioni progressivi di reddito e percentuali che vanno dal 23% al 43%. 
  • forfettario: paghi un’imposta sostitutiva del 15% o del 5% per i primi 5 anni e non devi applicare l’IVA. 

Per conoscere nel dettaglio quali saranno i costi della tua attività nello specifico, il commercialista è il professionista giusto a cui rivolgerti

Puoi ricevere una consulenza fiscale gratuita e senza impegno con un esperto Fiscozen compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

francesca_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963