Partita IVA dentista: codice ATECO, come aprire e quanto costa?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

Per diventare dentista devi utilizzare il codice ATECO 86.23.00 – attività degli studi odontoiatrici e aprire la Partita IVA compilando ed inviando il modello AA9/12 all’agenzia delle entrate, tramite:

  • sito web
  • posta raccomandata
  • consegna a mano in una delle sedi territoriali

Il costo per aprire la tua Partita IVA è diverso se decidi di procedere:

  • da solo: non pagherai nulla
  • affidandoti ad un intermediario, come il commercialista: devi pagare il compenso per il suo servizio

Oltre ai costi di apertura dovrai pagare quelli di gestione, cioè contributi e tasse. 

Per il versamento dei contributi, dovrai iscriverti ad ENPAM, la cassa previdenziale dedicata ai medici, dove pagherai:

Quota A, cioè un importo fisso che devi versare indipendentemente dal tuo reddito. L’importo varia in base alla tua età e viene fissato ogni anno. Per il 2024 è pari a:

Età Importo da pagare
fino a 30 anni 280,93 €
dai 30 ai 35 anni 545,28 €
dai 35 ai 40 anni 1.023,24 €
più di 40 anni 1.889,75 €

Se sei iscritto al quinto o al sesto anno di medicina puoi versare in misura ridotta che, per il 2024, è pari a 140,47€.

Il contributo di maternità, cioè un importo fisso che viene determinato di anno in anno e devono pagarlo tutti gli iscritti e che per il 2024 è pari a 79,87€.

La quota B, che si calcola applicando una percentuale del 19,50% sul tuo reddito netto, quindi sul tuo incassato meno le spese che hai sostenuto per la tua attività. 

Puoi ottenere una riduzione della quota B da 19,50% a:

  • 9,5% se sei un:
    • medico iscritto ad altre forme di previdenza obbligatoria, come l’AGO
    • pensionato del fondo generale
  • 2% se:
    • hai un reddito intramoenia, cioè derivante da prestazioni fatte fuori dall’orario di lavoro
    • partecipi ad un corso di medicina generale

Le tasse sono calcolate in modo diverso in base al tuo regime fiscale:

  • ordinario: devi pagare l’IRPEF, un’imposta che va da una percentuale minima del 23% fino ad una massima del 43% sui tuoi guadagni al netto delle spese e dei contributi dell’anno precedente, cioè sull’imponibile
  • forfettario: paghi una percentuale del 15% o del 5% per i primi 5 anni se avvii una nuova attività. Le percentuali si applicano sul tuo imponibile, che puoi trovare moltiplicando i tuoi incassi totali per un valore detto coefficiente di redditività, diverso in base al tuo codice ATECO, e sottraendo i contributi che hai versato l’anno precedente. Nel tuo caso, il coefficiente è 78%

Per essere sicuro di aprire la Partita IVA come dentista nel modo corretto, il commercialista è il professionista giusto a cui rivolgerti.

Puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno da un consulente fiscale di Fiscozen, compilando il modulo che trovi qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

gaia_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963