Partita IVA under 30: come aprire e quanto costa?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

Se sei un giovane under 30 puoi aprire la Partita IVA in modi diversi a seconda della tua tipologia di attività:

Se apri un’attività di tipo intellettuale come libero professionista, come ad esempio se sei un avvocato, un medico o un social media manager.

Devi compilare e riconsegnare all’agenzia delle entrate il modello AA9/12 tramite:

  • caricamento sul sito web dell’agenzia
  • posta raccomandata
  • consegna a mano in uno sportello sul territorio

Il costo della pratica varia a seconda che tu la svolga:

  • da solo: non ha nessun costo
  • con il supporto di un esperto come il commercialista: dovrai pagare il servizio del professionista che può variare dai 200 ai 500€

Se apri un’attività di tipo commerciale, artigianale o imprenditoriale, come ad esempio il parrucchiere, il commerciante o l’influencer devi aprire una ditta individuale inviando telematicamente la pratica ComUnica che ti permette in un’unica soluzione di:

  • aprire della Partita IVA
  • iscriverti alla gestione artigiani o commercianti INPS per il pagamento dei contributi 
  • aprire di una posizione nel registro delle imprese 
  • iscriverti all’INAIL per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro, nel caso di un’attività artigiana

Al momento dell’apertura della tua attività, puoi scegliere di inviare la ComUnica:

  • da solo, pagherai:
    • imposta di bollo: 17,50€
    • diritti di segreteria: 18€
    • diritto camerale: da 53€ a 120€ in base al tipo di attività
    • SCIA: da 0€ a 200€ in base al comune in cui decidi di avviare la tua attività
    • PEC e firma digitale: circa 35€
  • affidandoti ad un intermediario, come un commercialista: oltre ai costi elencati sopra pagherai anche il suo compenso che va dai 300€ ai 500€ a seconda del tipo di attività

In entrambi i casi dovrai iscriverti ad una cassa o gestione previdenziale a cui versare i contributi e hai diverse possibilità:

  • se sei un professionista iscritto ad un albo: dovrai iscriverti alla tua cassa di categoria e versare secondo le sue regole
  • se sei un professionista non iscritto ad un albo se il tuo albo non prevede una cassa dedicata: devi iscriverti alla gestione separata INPS e versare una quota che per il 2024 è il 26,07% del tuo imponibile
  • se hai una ditta individuale dovrai iscriverti alla gestione artigiani o commercianti INPS e versare circa 4.500€ fissi ogni anno più circa il 24% del tuo imponibile che supera i 18.415€

La base imponibile si calcola sempre sottraendo dagli incassi totali dell’anno i costi sostenuti per l’attività

Per conoscere nel dettaglio i costi e per avere un aiuto per aprire la tua attività, il commercialista è il professionista giusto a cui rivolgerti

Puoi ricevere una consulenza fiscale gratuita e senza impegno con un esperto Fiscozen compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

gaia_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963