Costi fissi e variabili annuali di una Partita IVA: quali sono?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

I costi fissi e variabili che dovrai affrontare per l’apertura e la gestione della tua Partita IVA sono diversi a seconda del tipo di attività che svolgi:

  • intellettuale, come web designer o psicologo: hai una Partita IVA come libero professionista
  • artigianale o commerciale, come ecommerce o parrucchiere: hai una ditta individuale

Se sei libero professionista dovrai sostenere:  

costi fissi relativi a

  • compensi richiesti dal tuo commercialista per 
    • effettuare la pratica di apertura della tua Partita IVA
    • occuparsi degli adempimenti fiscali e previdenziali relativi alla tua attività 
  • contributi minimi e contributo di maternità per i professionisti con cassa privata il cui importo cambia per ogni cassa  

costi variabili relativi al pagamento dei contributi previdenziali che dovrai versare alternativamente:

  • alla gestione separata INPS per una percentuale del 26,07% del tuo imponibile se sei un professionista senza albo 
  • alla tua cassa previdenziale privata per una percentuale stabilita dal regolamento se sei un professionista iscritto all’albo. Ad esempio se sei uno psicologo la percentuale da versare è del 10% sul tuo imponibile 

Se sei ditta individuale dovrai sostenere:

Costi fissi relativi a:

Apertura della partita IVA

  • imposta di bollo: 17,50€
  • diritti di segreteria: 18€
  • diritto camerale: da 53€ a 120€ in base alla tua attività
  • SCIA: da 0€ a 200€ in base al comune in cui ha sede la tua attività
  • PEC e firma digitale: a partire da 35€
  • compenso del commercialista da 350€ a 500€ a seconda del tipo di attività

Contributi fissi che versi indipendentemente dai tuoi guadagni e sono pari a 4.515€ se sei commerciante o 4.427€ se sei artigiano

Contributi variabili relativi che devi calcolare applicando sull’imponibile che supera i 18.415€:

  • commerciante: 24,48% 
  • artigiano: 24% 

Qualsiasi sia la tua attività di lavoro autonomo, i costi variabili che dovrai affrontare riguardano le tasse, il cui calcolo varia a seconda del tuo regime fiscale: 

  • ordinario: pagherai l’IRPEF, che va da dal 23% al 43% sui tuoi guadagni al netto delle spese, cioè sull’imponibile. Ad esempio, se hai incassato 90.000€, ma hai avuto spese per 20.000€, pagherai l’IRPEF solo su 70.000€ (90.000€ – 20.000€)
  • forfettario: pagherai una percentuale del 15% o del 5% per i primi 5 anni se avvii una nuova attività. Queste percentuali si applicano sul tuo imponibile, che si calcola moltiplicando i tuoi incassi per un valore detto coefficiente di redditività, diverso in base al tuo codice ATECO, e sottraendo i contributi che hai versato l’anno precedente. Ad esempio per l’ecommerce è del 40%

Per conoscere i costi che dovrai sostenere con la tua Partita IVA, il commercialista è il professionista giusto a cui rivolgerti.

Puoi ricevere una consulenza fiscale gratuita e senza impegno con un esperto Fiscozen compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Si basa su una fonte ufficiale dell'agenzia delle entrate ed è stata scritta da un'autrice esperta in temi fiscali.

Scritta da una nostra autrice

gaia_noroles

Basata su una fonte ufficiale

fiscozen fonte agenzia delle entrate

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963