Lavorare su Upwork: si può fare senza la Partita IVA?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

In questo articolo vedremo se è possibile lavorare su Upwork senza Partita IVA. 

Lavorare come freelancer su Upwork può essere l’inizio di un nuovo percorso lavorativo che ti permetterà di trovare clienti e sviluppare i tuoi progetti.  

Un commercialista può aiutarti a capire come fare ad essere sempre in regola con il versamento delle tasse sui tuoi guadagni ottenuti su Upwork. Se vuoi puoi ottenere una consulenza fiscale gratuita con un nostro esperto, compilando il form in fondo.

Puoi lavorare su Upwork come freelancer senza Partita IVA ma solo se svolgi questa attività in modo occasionale

In questo caso per farti pagare dai tuoi clienti dovrai emettere una ricevuta di prestazione occasionale sottraendo dai tuoi compensi il 20% di ritenuta d’acconto.

Questo importo dovrà essere versato, per tuo conto, dai tuoi clienti all’Agenzia delle Entrate e rappresenta un anticipo delle tue tasse.

Se effettui solo prestazioni occasionali e i tuoi incassi sono inferiori a 5.500€ non pagherai le tasse 

In questo caso sarai a credito con l’agenzia delle entrate della somma delle ritenute d’acconto già versate. 

Quindi ad esempio se hai incassato 4.000€ per prestazioni occasionali, il tuo credito verso l’agenzia delle entrate sarà di 800€, ovvero il 20% di 4.000€. Potrai richiedere il pagamento di questo credito tramite la presentazione della dichiarazione fiscale.

Se invece i tuoi incassi sono superiori a 5.500€ pagherai dal 23% al 43%

La percentuale di tasse che dovrai pagare viene determinata sulla base del tuo reddito. 

Ad esempio, se hai incassato 15.000€, sarai nella fascia più bassa e pagherai il 23% di tasse. L’importo delle tasse che dovrai pagare sarà quindi pari a 3.450€.

Da questo importo dovrai sottrarre le ritenute d’acconto già versate che sono pari al 20% di 15.000€, ovvero 3.000€.

L’importo di tasse da te dovuto sarà quindi pari a 450€ ovvero la differenza tra 3.450€ e 3.000€.

Inoltre se superi i 5.000€ di incassato dovrai pagare i contributi alla gestione separata INPS

La percentuale di contributi da pagare è di 33,72%, di cui 11,24% a tuo carico e 22,48% a carico del tuo cliente. 

Se i tuoi incassi sono superiori a 5.500€ ti conviene aprire la Partita IVA

Aprendola in regime forfettario potrai avere una tassazione nettamente minore, infatti pagherai il 5% per i primi 5 anni e il 15% per i restanti. 

Un commercialista può aiutarti a capire quando ti conviene aprire Partita IVA

Con il supporto di un commercialista puoi capire quando è il momento giusto per svolgere la tua attività in Partita IVA.

Puoi ricevere una consulenza fiscale gratuita e senza impegno con un esperto Fiscozen compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

gaia_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963