Partita IVA in regime forfettario: quanto costa?

Leggi l'articolo o risolvi ogni dubbio con una consulenza su misura per te, gratis e senza impegno. Compila qui per riceverla.

Form_2023
check-double-line
Questa è una guida verificata

Dipende: alcuni costi sono fissi, altri sono legati all’attività che svolgi:

  • intellettuale: hai una Partita IVA come libero professionista 
  • commerciale, artigianale o agricola: hai aperto una ditta individuale 

Se sei un libero professionista devi pagare:

  • tasse, che corrispondono al 15% del tuo imponibile, oppure al 5% per i primi 5 anni delle nuove attività
  • contributi, che variano a seconda che tu:
    • hai una cassa previdenziale specifica legata alla tua professione: devi versare i contributi in base a quanto stabilito dalla tua cassa
    • non hai una cassa previdenziale: devi iscriverti alla gestione separata INPS e versare i contributi con una percentuale che, anche per il 2024, è del 26,07%

Se hai una ditta individuale in regime forfettario devi pagare:

Costi di apertura:

  • iscrizione alla camera di commercio, circa 100€
  • comunicazione inizio attività, o SCIA, che in alcuni comuni può essere a pagamento

Costi di mantenimento:

  • diritto camerale: 56€
  • tasse, calcolate nello stesso modo dei liberi professionisti 
  • contributi, dove hai una quota fissa ed una variabile in base alla tua attività:
    • artigianale: devi iscriverti alla gestione artigiani INPS e pagare i contributi fissi di 4.427€ più contributi variabili con una percentuale del 24% se superi i 18.415€ di incassi
    • commerciale: devi iscriverti alla gestione commercianti INPS e pagare i contributi fissi di 4.515,43€ più contributi variabili con una percentuale del 24,48% se superi i 18.415€ di incassi
    • agricola: devi iscriverti alla gestione agricoltori autonomi INPS e versare i contributi con una percentuale del 24%

Che tu sia professionista o ditta individuale, dovrai pagare il commercialista

Esempio libero professionista:

Sara è una social media manager che ha iniziato da due anni la sua attività, quindi deve pagare il 5% di tasse. Il suo incassato è di 30.000€, i contributi che può scaricare sono pari a 2.000€ e il coefficiente di redditività determinato in base al suo codice ATECO è del 78%.

  • imponibile lordo: 30.000€ x 78% = 23.400€
  • imponibile netto: 23.400€ – 3.000€ = 20.400€
  • tasse: 20.400€ x 5% = 1.020€
  • contributi: 20.400€ x 26,07% = 5.318€
  • commercialista: 700€
  • totale da pagare: 7.228€

Esempio ditta individuale:

Giulia è un’estetista che che gode della tassazione al 5% per i primi 5 anni. Nel corso dell’anno ha incassato 14.000€, il suo coefficiente di redditività è del 67% e può “scaricare” 4.000€ di contributi versati l’anno precedente. 

  • imponibile netto (14.000€ x 67%) – 4.000€ = 5.380€
  • tasse da pagare 5.380€ x 5% = 269€
  • contributi fissi  = 4.427,04€
  • diritto camerale: 120€
  • commercialista: 700€
  • totale da pagare: 5.516,04€

Se vuoi scoprire quali sono i costi per la tua attività in regime forfettario, il commercialista è la persona giusta a cui rivolgerti perché, grazie alla sua esperienza, potrà farti una stima. 

Puoi ricevere una consulenza fiscale gratuita e senza impegno con un esperto Fiscozen compilando il form qui sotto.

icon
Questa è una guida verificata
Tutti i nostri articoli vengono scritti, controllati e verificati dai nostri consulenti ed esperti fiscali per assicurarti la massima affidabilità e chiarezza.

Scritta da un nostro Autore

gaia_noroles

Controllata da un Esperto Fiscale

gaetano_noroles

Fiscozen S.p.A. · Via XX Settembre 27 · 20123 Milano · P.IVA 10062090963